Gestire se stessi. Le chiavi del successo

Gestire se stessi. Le chiavi del successo

Sabina Vaccari 28 Marzo 2022 training
4 min

Un classico del padre del management moderno, Peter F. Drucker. Per ripartire dalle basi: quali sono i miei punti di forza e come posso essere determinante.

Le chiavi del successo. Se entriamo in una libreria, possiamo sfogliare decine di libri che ne parlano: come ottenere risultati, come crescere professionalmente, come essere felici … La maggior parte, forse più per un impulso commerciale, promette di svelare i segreti del successo, che in alcuni casi hanno un numero: 3, 7, 10 segreti per cambiare in meglio la propria vita.

Se il successo potesse essere raggiunto, conoscendo i segreti che gli autori dei libri ―motivatori, coach, psicologi ecc.― promettono di svelarci, saremmo tutti felici, probabilmente. Ma forse le cose non sono così semplici, o forse sì.

Vengo al punto. L’esperienza ―i miei 20 anni e oltre come formatrice e networker― mi porta a credere che la strada del successo +clienti +fatturato + lavoro di qualità +tempo libero, sia un percorso tortuoso e, senza adeguati strumenti, non sia facile percorrerlo.

Anche per me. Allora, nei momenti di sfiducia, torno alle basi e rileggo “Gestire sé stessi. Le chiavi del successo.” di Peter F. Drucker, giustamente riconosciuto il padre del management moderno. Ad esempio, l’introduzione:

Viviamo in un’epoca di opportunità mai viste prima: chi è dotato di ambizione e intelligenza può salire fino ai vertici della professione che ha scelto, indipendentemente dal suo livello di partenza. Ma l’opportunità porta con sé responsabilità … è indispensabile coltivare una profonda comprensione di se stessi – dei propri punti di forza e di debolezza, ma anche del proprio modo di imparare e lavorare con gli altri, dei propri valori e dell’ambito in cui si è capaci di dare il contributo più rilevante. Perché solo partendo dai propri punti di forza si può raggiungere la vera eccellenza.

Credo sia difficile concentrare in così poche righe il senso della condizione di molti professionisti e imprenditori o, in un senso più ampio, lavoratori della conoscenza. Le domande, alla fine, sono semplici.

Come imparo?

Sono un lettore o un ascoltatore? Prendo appunti? Se non scrivo subito una cosa, poi la dimentico? Non c’è un solo modo giusto di imparare. Quindi: qual è il mio? Quello più efficace per me?

Quali sono i miei valori?

Ovvero il test dello specchio: che tipo di persona voglio vedere allo specchio la mattina?

I punti di forza di una persona e il suo modo di lavorare sono raramente in conflitto; le due cose sono complementari. Può invece crearsi un conflitto tra i suoi valori e i suoi punti di forza. Quello che riesce a fare bene, magari persino benissimo, e con ottimi risultati, potrebbe non essere in linea con il suo sistema di valori.

Qual è la mia vocazione?

Le carriere di successo non sono pianificate. Si sviluppano quando le persone sono pronte a cogliere le opportunità perché conoscono i propri punti di forza, i propri metodi di lavoro e i propri valori. Sapere qual è la propria vocazione può trasformare una persona ordinaria in una persona di successo.

Quale contributo voglio dare?

Un tempo tutti facevano semplicemente quello che era chiesto loro di fare o quello che avrebbero fatto per ragioni familiari, geografiche, culturali. Oggi non è più così.

I lavoratori della conoscenza, in particolare, devono imparare a porsi una domanda che non è mai stata posta prima: “Quale dovrebbe essere il mio contributo?” Per rispondere, devono prendere in considerazione tre elementi distinti. Che cosa richiede la situazione? Dati i miei punti di forza, il mio modo di lavorare e i miei valori, in che modo posso dare il massimo contributo nel lavoro che devo svolgere? E, per finire, quali risultati bisogna conseguire per fare la differenza?

La responsabilità delle relazioni

Lavoriamo tutti insieme, in una rete di contatti che quasi vive di vita propria, attivandosi e sincronizzandosi, indipendentemente da noi; ma è la nostra rete, e funziona solo grazie al nostro attivo contributo.

Nell’antichità il passaparola era la forma di pubblicità più usata, anche se scritte commerciali o elettorali sono state scoperte nel sito archeologico di Pompei.

Peter Drucker © Jeff McNeill
Peter F. Drucker © Jeff McNeill
Gestire se stessi. Le chiavi del successo - Peter F. Drucker | Copertina Libro
Gestire se stessi. Le chiavi del successo – Peter F. Drucker
annalisa - 15 Aprile 2022 16:59

grazie Sabina sempre prezioso crescere e riflettere…

annalisa - 15 Aprile 2022 16:58

grazie Sabina sempre prezioso crescere e rifletterte…

Mauro - 30 Marzo 2022 08:36

Profonda e interessante valutazione di noi stessi e degli altri come sempre una ottima consigliera Sabina grazieeeeeeee

Annalisa Cuarcelluti - 28 Marzo 2022 18:32

Ottimo consiglio…l’esercizio mentale di migliorarsi giorno per giorno e’ un dovete per arrivare ad essere persone felici di successo! Grazie riflettero’ .

    Sabina - 29 Marzo 2022 16:51

    Grazie per il tuo feedback e la tua voglia dì riflettere.

Marino - 28 Marzo 2022 17:31

Quando la rete dei tuoi contatti può fare e fa, in maniera determinante, la differenza!

    Sabina - 29 Marzo 2022 16:53

    La nostra rete dì contatti è un patrimonio inestimabile più prezioso dì uno scrigno pieno d’oro. 🙂

Commenta questo articolo

(Tutti i campi sono obbligatori).

Nome
Email
Commento

Stiamo parlando di fare rete, ascoltare, farsi ascoltare

Se vuoi imparare qualcosa di più, chiamami! Io sono a Roma e a Milano: mi chiamano “FrecciaRossa”!

Contattami